free page hit counter
Notizie

Paula Rego

In un estate 2021 divisa tra vaccini, situazioni pandemiche, accessi contingentati o meno, prenotazioni obbligatorie, locali notturni aperti, casi di covid, volontà di tornare alla normalità e ulteriori infinite sfumature causa virus pandemico, il museo Tate Britain di Londra ha già comunicato quale sarà la prossima mostra personale. “Paula Rego”.
La più grande e completa retrospettiva dedicata alle opere dell’artista nata a Lisbona nel 1935.
Oltre cento opere quali collage, dipinti, pastelli su larga scala, disegni e incisioni evidenzieranno l’iter della pittrice comprendo un periodo dagli anni Cinquanta fino ai 2000.
Rego ha sviluppato il personale concetto creativo in una figurazione forte, vigorosa tra l’immaginazione e l’intransigenza.
All’interno di un contesto socio-politico dittatoriale (António de Oliveira Salazar) partì per formare una propria espressività in narrazioni tra pittura, collage, pastelli e riferimenti provenienti dalla storia dell’arte.
All’interno della mostra sarà possibile verificare e approfondire:
– una selezione dei primi lavori di Rego raramente visti in cui l’artista ha esplorato per la prima volta la lotta personale e sociale;
– nei suoi dipinti, collage e disegni dagli anni ’60 agli anni ’70, Rego si è opposta appassionatamente e ferocemente alla dittatura portoghese, utilizzando una serie di fonti di ispirazione tra cui pubblicità, caricature e notizie;
– esplorazione dei racconti popolari come rappresentazioni della psiche e del comportamento umani;
– l’impegno nel denunciare le ingiustizie e a difendere le vittime;
– la tratta delle donne e delle mutilazioni genitali femminili in immagini forti atte ad affrontare storie difficili di dolore e abuso;
– il ciclo “Abortion” utilizzato per la campagna in favore alla legalizzazione dell’aborto in Portogallo, raffigurando donne all’indomani di aborti illegali;
– il ciclo “Possession”, con una serie di pastelli raramente esposta, nella quale l’artista combina l’esperienza personale di Rego di depressione e terapia con l’ispirazione dalle fotografie messe in scena del xIX secolo di donne diagnosticate come affette da “isteria”.

Paula Rego
7 luglio – 24 ottobre 2021
Tutti I giorni 10.00 – 18.00
Tate Britain
Millbank, London

Paula Rego è nata a Lisbona, in Portogallo, nel 1935, durante la dittatura autoritaria di António de Oliveira Salazar. I suoi genitori erano antifascisti e anglofili e volevano che la loro figlia vivesse in un paese liberale. All’età di sedici anni, è stata iscritta a una scuola di perfezionamento nel Kent, in Inghilterra. Ha continuato a studiare pittura alla Slade School of Fine Art, Londra (1952-56), dove ha incontrato il compagno di studi di pittura Victor Willing, che ha sposato nel 1959. Si trasferisce a Londra nel 1972 dopo aver vissuto sempre tra Gran Bretagna e Portogallo.
Ha tenuto numerose mostre retrospettive: Tate Liverpool, 1997, Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia, Madrid 2007, Museo de Arte Contemporáneo de Monterrey e Pinacoteca do Estado de São Paulo, 2010-11 e Musée de l’Orangerie, Parigi 2018. Nel 2009, un museo dedicato al suo lavoro, Casa das Histórias Paula Rego, ha aperto a Cascais, in Portogallo. Il documentario Paula Rego, Secrets and Stories, diretto da suo figlio Nick Willing, è uscito nel 2017.
Rego vive e lavora tutt’ora a Londra.

di Alain Chivilò