free page hit counter
Notizie

Bernard Aubertin Encore un nouveau feu

Bernard Aubertin, parallelamente ai monocromi, nel 1961 realizzò i suoi primi “Tableaux feu” (quadri di fuoco) e nel 1962 i primi libri bruciati che riprese successivamente con “Livres Brûlès et à Brûler” (libri bruciati da bruciare) aggiungendo tra le pagine dei libri fiammiferi esplosivi, micce, bastoncini di fulminato, sacchetti di polvere fumogena, ceri, fiammiferi candidi e altro. Lui stesso direttamente,  o spettatori invitati bruciavano i libri. Bernard Aubertin ebbe una curiosità legata al lavoro del fuoco e al riflesso della fiamma. In riferimento al suo iter affermò che “ci sono due colori: nero attraverso fuoco/caramellizzazione/cremazione e rosso dipinti nei monocromi”. La sua ricerca si articola in “Tableau clous” (quadri di chiodi) ricoperti di colore rosso rimandano alle fiamme, “Tableaux fils de fer” (quadri con fil di ferro), “Dessin de feu” (disegni di fuoco), “Parcours d’allumettes” (percorsi di fiammiferi), giungendo alle performance ideati per incendiare pianoforti (1988), passando ad automobili e altri oggetti (dagli anni Novanta).
Testo di Alain Chivilò

Breve biografia.
Aubertin è nato il 29 luglio 1934 a Fontenay-aux-Roses, Francia. Nel 1957, dopo l’incontro con Yves Klein,  iniziò la sua storia di pittore monocromo realizzando i suoi primi “Rouge Total”. Con le sue opere Aubertin offrì la propria visione nichilista dell’arte che non deve essere descrittiva ma contemplativa. Attraverso la monocromia Aubertin praticò ciò che egli definì il silenzio pittorico. Nel 1961 entrò a far parte del gruppo “Zero” di Dusseldorf. Nel 1962 realizzò i primi libri bruciati e verso la fine degli stessi anni ’60 diede vita ai “Tableau Clous” per proseguire poi nella sua ricerca con l’introduzione del fuoco nel proprio processo creativo, fuoco che lo portò ad essere protagonista di performance durante le quali bruciò libri, violini, automobili e pianoforti. Fino alla sua scomparsa avvenuta il 31 agosto 2015, operò con opere in rosso, scritti, ulteriori lavori e sperimentazioni fino a incendiare qualsiasi oggetto proposto.